“L’INDOLENZA”

COME UN LENZUOLO CHE TI AVVOLGE…I MOVIMENTI SONO RALLENTATI,IL RESPIRO E’ AFFANNOSO.CON IL PENSIERO VORRESTI LIBERARTI…MA IL CORPO VINCE..ALLORA TI LASCI TRASCINAREDALL’INDOLENZA.COME UN LENZUOLO CHE TI AVVOLGEE TI PROTEGGE DALLA LUCE.CHIUDI GLI OCCHI E TI LASCI CULLARE.IL CORPO VINCE SULLA MENTE.IL SOGNO CONTRO LA REALTA’.DOMANI VIOLENTERO’ LA MIA ANIMA,METTERO’ UNA MASCHERAED AFFRONTERO’ LA VITA.BY STEFF

“LA CASA DI PONY”

IL RIFUGIO PER IL CUORE,LA MUSICA E L’OBLIO PER LA MENTE.LE NOTTI D’INVERNO ACCANTO AL CAMINO,LE CASTAGNE FUMANTI TRA LE DITA GHIACCIATE.I DISCORSI INFINITI..DOVE APPARIVA,A TUTTI,LA VERITA’ ASSOLUTA…IL GIORNO DOPO….GIA’ DIMENTICATA.LE DYANE E LE RENAULT4 STRAVISSUTE,PERENNEMENTE SENZA BENZINA.LE FUGHE A FIRENZE, A PONTE VECCHIO.I CONCERTI CHE NON VEDREMO MAI PIU’…IN UNA MILANO NOTTURNA CON LUCI COLORContinua a leggere ““LA CASA DI PONY””

“NON SIAMO NIENTE”

Quando l’anima si spegne, non ti fai più domande,guardi queste sagome di cartone, Tutte uguali.Come formiche impazzite, ricostruiscono ciò che verrà ancora,e ancora distrutto.Ostinate, credono nell’abnegazione, nel sacrificio.Dicono che creeranno un nuovo mondo.Ma quando l’anima si spegne,aspetti solo il grande fiume che tutto travolgerà.Le sagome di cartone si scioglieranno nell’acqua,i loro castelli di sabbia crolleranno.Quando l’animaContinua a leggere ““NON SIAMO NIENTE””

“QUELLE NOTTI”

“QUANDO UBRIACA DI VITA,SCAPPAVO DA ME STESSA,LA NOTTE ERA LA MIA COMPAGNA DI AVVENTURA.LA MUSICA A VOLUME ALTISSIMOTEMPESTAVA LA MIA MENTE CON IMMAGINIE PENSIERI RUTILANTI.QUANDO UBRIACA DI VITA,CONFONDEVO L’INNAMORAMENTO CON L’AMORE,PERDENDOMI IN STORIE DOVE IL SENTIMENTOPRENDEVA IL SOPRAVVENTO SULLA RAGIONE.QUANDO UBRIACA DI VITA,ERA ESSENZIALE IL QUI E ADESSO,NON POTEVO PERDERE UN ATTIMO DI QUELLE NOTTI.TUTTOContinua a leggere ““QUELLE NOTTI””

“10 agosto”

VORREI POSSEDERE LA LUCCICANZAPER POTERTI VEDERE,ABBRACCIARE,PARLARE.NON MI BASTANO PIU’ I SOGNI,LA CAREZZA IMPALPABILE SULLA SPALLA.NON MI BASTANO PIU’ I MILLE FILMATI E LE FOTO,HO BISOGNO DI ASCOLTARE LA TUA VOCE,DI SENTIRE LA TUA INTELLIGENZA,LA TUA ONESTA’,LA TUA SAGGEZZA.ME LO AVEVI PROMESSO…CHE SARESTI VENUTO A PRENDERMI.TI STO ASPETTANDO,SONO COSI’ STANCA,PAPA’.STEFF